Shutterstock 535921171
Banner Default Image

Creare il proprio brand

Le persone non comprano il tuo prodotto, comprano te. Il brand di un’azienda si basa sempre su chi fa parte di quell'azienda, ma in un'industria focalizzata sulle persone quanto il reclutamento questo è particolarmente vero. Quando lavorate come reclutatori, i vostri clienti comprano la vostra persona e i servizi che potete offrire.

Il termine "brand" di solito si riferisce a business o celebrità, ma che voi ne siate consapevoli o meno, ognuno di noi ha un brand personale. Il problema è che non tutti l'hanno sviluppato come un punto di forza. Come reclutatori avete l'opportunità di plasmare la percezione del vostro pubblico attraverso i vostri post su LinkedIn e il vostro modo di comunicare con clienti e candidati e spetta a voi prendere il controllo di come i vostri contatti vi vedono.

Definire il proprio brand

Il primo passo per prendere il controllo del vostro brand personale è conoscere voi stessi.  Pensate alle caratteristiche a cui vorreste essere associati, a chi siete, a quali sono le vostre abilità, i vostri obiettivi e i vostri valori e ideali. Non si tratta di creare un personaggio, ma di scegliere gli elementi della vostra personalità su cui puntare per creare qualcosa di autentico. Scegliete un "tono" e mantenetelo coerente ogni volta che postate o interagite su LinkedIn.

Scrivete un profilo che si faccia notare prima di considerare il resto del contenuto. Avete 120 caratteri per dare un'idea di chi siete e il riassunto non serve solo per descrivervi al lavoro, ma per presentarvi in generale. Scegliete una prospettiva unica, che vi contraddistingua da tutti gli altri ed evitate di seguire esempi o template troppo generali.

Capire il proprio pubblico

Quando create un brand personale dovete identificare il vostro target demografico e capire cosa vuole vedere, per poi delineare il vostro contenuto e il vostro engagement sui social di conseguenza. Come reclutatori gran parte del vostro network sarà composto da candidati o clienti "passivi", quindi riempire il vostro feed di nuove opportunità interessanti non sarà di alcun valore per la maggioranza del vostro pubblico. Questo non significa che non dovete mai postare riguardo nuove posizioni, ma dovreste tenere in considerazione la proporzione tra i vari tipi di contenuti o promuoverli in maniera creativa. Avete visto un articolo su una terapia genetica all'avanguardia e state lavorando su un ruolo collegato a questo argomento? È un'ottima occasione di condividerlo con la vostra opinione e di menzionare il ruolo rilevante.

Adattare i vostri contenuti così che risultino interessanti per i vostri candidati o clienti passivi può aiutarvi a lungo termine e contraddistinguervi dagli altri reclutatori nel momento in cui vi metterete in contatto con il vostro pubblico: considerate le notizie relative all'industria, i blog, i video o le altre informazioni che condividete dalla prospettiva dei vostri clienti.

Creare un micro strategia dei contenuti

La chiave per mantenere la vostra immagine come brand è la coerenza dei contenuti. A prima vista assicurarsi di essere sempre presenti sul feed e offrire qualcosa di valore allo stesso tempo può sembrare un compito gravoso. Di certo siete abituati a lavorare sul vostro ICP, pensate ai contenuti sul vostro feed come un altro obiettivo da raggiungere. Per esempio, entro le prossime due settimane avete deciso di postare quattro articoli relativi alle novità nell'industria, due blog dai vostri contatti, due opportunità di lavoro su cui state lavorando e due di quelle dei vostri colleghi. Potete decidere di seguire questo piano ogni due settimane e addirittura usare uno strumento per la pianificazione del feed come Buffer (che offre un ottimo servizio gratis) per organizzare tutti i post in un colpo solo. Mantenere una presenza online non significa che dovete essere attivi su LinkedIn sei ore al giorno postando aggiornamenti minuto per minuto. Definendo una semplice strategia e prendendovi una piccola quantità di tempo per organizzare i contenuti, potete avere un'intera settimana di post pronta il lunedì mattina.

Interagire con autenticità

Avete deciso cosa volete dire e avete una strategia per dirlo, la parte più difficile ora è seguire il piano e iniziare a creare relazioni con il vostro pubblico che non siano a senso unico. Questo non può succedere se vi limitate a postare sul vostro feed. È importante interagire con gli argomenti di discussione del vostro pubblico per creare una relazione autentica e ci vuole più di un commento stringato qua e là o di un articolo condiviso.  Condividere un'opinione può essere spaventoso, ma può anche aiutare a ottenere una conoscenza più approfondita dell'industria e a iniziare discussioni interessanti.

Il vostro pubblico non è composto solo da possibili candidati alla ricerca del prossimo passo nella loro carriera, quindi personalizzare tutti i vostri contenuti solo per quel gruppo demografico non vi porterà risultati a lungo termine. Sviluppare e definire il vostro brand personale e usare la vostra conoscenza dell'industria per offrire informazioni al vostro pubblico invece, vi aiuterà a ottenerne la fiducia e a dimostrare il vostro valore a tutti i vostri contatti.