Shutterstock 1165643059
Banner Default Image

Affrontare i cambiamenti della IR35 con M Cubed

I cambiamenti dell’IR35 previsti per il 2020 sono un argomento scottante tra i reclutatori. Le organizzazioni del settore privato stanno cercando di prepararsi a questa nuova legislazione, ma cosa possono fare esattamente a riguardo? Qui a M Cubed abbiamo parlato con Lucien Dissake, il nostro responsabile Conformità, e gli abbiamo chiesto di spiegarci cosa succederà e cosa le aziende devono sapere.

Quindi Lucien, per i non "iniziati", cos'è esattamente l'IR35?

L'IR35 è una legislazione fiscale introdotta nel 2000 per aiutare il governo ad affrontare il problema dell'evasione fiscale sotto forma di "impiegati nascosti", ovvero persone che date le mansioni svolte avrebbero dovuto essere impiegate regolarmente, ma invece risultavano come consulenti. Di conseguenza ricevevano lo stipendio tramite un intermediario (una società per azioni o di servizi) e pagavano meno tasse e assicurazione nazionale (NI).

Inizialmente, era responsabilità del consulente determinare il proprio stato fiscale, ma dopo diciassette anni, ci sono stati dei piccoli cambiamenti nella legislazione del settore pubblico. Ora sono le aziende stesse, non i consulenti, ad essere responsabili per la determinazione dello stato fiscale dei propri lavoratori. Devono quindi decidere se il lavoro svolto sia "all'interno" o "all'esterno" dell’IR35. Se risulta "all'interno", il pagamento delle tasse e dei contributi per la NI deve essere fatto come se il consulente fosse un regolare impiegato. Se invece risulta "all'esterno", allora è da considerare come un vero lavoro a contratto.

Cosa cambierà nel 2020?

Queste modifiche, prime riguardanti solo al settore pubblico, verranno ora applicate anche al settore privato. Grazie a questi cambiamenti, il governo ha ottenuto un grande successo nel raccogliere le tasse del settore pubblico ed è convinto che, una volta implementati anche nel settore privato, saranno in grado di riscuotere 1.2 miliardi di sterline di tasse in più entro la fine del 2024.

È stato semplice cambiare il settore pubblico?

Bisogna riconoscere che ci sono stati vari ostacoli. Prima di tutto, gli enti pubblici, già sovraccarichi di lavoro, si sono dovuti sobbarcare l'incarico di completare un lungo processo amministrativo e prendere una decisione sullo status di ogni singolo lavoro svolto. Questo ha inevitabilmente portato a prendere decisioni a tappeto per seguire le direttive della legislazione e a considerare come "all'interno" della IR35 molti consulenti che non avrebbero dovuto essere inclusi.

I consulenti inclusi nella IR35 hanno perso in media tra il 20% e il 25% del loro stipendio netto e gli enti pubblici hanno perso un considerevole numero di professionisti, che hanno preferito spostarsi nel settore privato o all'estero.

Questi problemi sono stati risolti?

Si, fino a un certo punto. Ora gli enti governativi hanno un procedimento più efficace per determinare lo stato lavorativo. Ironicamente la risoluzione dei problemi a livello finanziario sarà facilitata dall'introduzione di questi cambiamenti anche nel settore privato: la parità di condizioni renderà il settore pubblico più competitivo in termini di stipendio e flessibilità.

Secondo te le imprese del settore privato sono pronte ai cambiamenti dell'IR35?

Dipende! Alcune organizzazioni hanno già dei processi per determinare questo genere di cose e sono state molto intraprendenti nel considerare in anticipo l'impatto finanziario e le implicazioni legali di questi cambiamenti. Altre organizzazioni d'altro canto stanno solo sperando che non accada affatto e stanno ignorando il problema. È un po' come con la Brexit in un certo senso! Visto che però sembra sempre più probabile che questi cambiamenti vengano implementati, un numero sempre maggiore dei nostri clienti si sta mettendo in contatto con noi per discuterne e per assicurarsi di essere pronti.

M Cubed può aiutare le compagnie ad affrontare questi cambiamenti? Come?

Se lavorate con un'azienda come M Cubed, riceverete tutto il supporto necessario, infatti stiamo attivamente contattando i nostri clienti per assicurarci che siano pronti. Abbiamo anche un dipartimento dedicato alla conformità di cui io sono a capo. Avendo lavorato nel settore pubblico durante i cambiamenti del 2017, sono sicuro che possiamo aiutare i nostri clienti ad affrontare la situazione con un impatto minimo.

Abbiamo anche collaborato con i fiscalisti di Osborne Clarke nel creare una pagella su misura, che aiuterà i nostri clienti a determinare se i loro consulenti siano "all'interno" o "all'esterno" dell’IR35. Sono sempre felice di parlare con ogni organizzazione preoccupata riguardo alla nuova legislazione, quindi sentitevi liberi di scrivermi all'indirizzo lucien.dissake@mcubedinternational.com.

Se desiderate informazioni dettagliate riguardo l'IR35, su come influenzerà i vostri affari e su come M Cubed possa aiutarvi, scaricate la nostra Guida all'IR35 qui.